Vulcano, violenza sessuale su una collega di lavoro. Cameriere del sud est-asiatico in carcere

Vulcano - Per un cameriere di 30 anni proveniente dal sud est asiatico è scattato l'arresto su disposizione del sostituto procuratore del tribunale di Barcellona Michele Martorelli.
L'uomo in servizio a Vulcano è accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di una giovane collega che lavorara nello stesso locale dell'isola eoliana.
La violenza - secondo la denuncia presentata dalla ragazza ai carabinieri - sarebbe scattata dopo una serata trascorsa tra amici in una abitazione di Vulcano che divideva tutto il gruppo e ove si sarebbe consumato molto alcool.
Il presunto violentatore tratto in arresto dai carabinieri è stato accompagnato alle carceri di Gazzi a Messina.
Il sostituto Martorelli che ha già proceduto ad interrogare la ragazza, ha richiesto al gip di Barcellona l'emissione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti del cittadino del sud-est asiatico.
La ragazza durante l'interrogatorio ha riferito in particolare che dopo aver bevuto parecchio si è sentita male e dal collega di lavoro è stata accompagnata nel bagno dell'abitazione.
E proprio nel bagno, il collega di lavoro "avrebbe approfittato della ragazza con ripetuti atti di violenza sessuale".
All'indomani ripresas dallo choc, ha denunciato l'accaduto ai carabinieri.
I carabinieri e il sostituto procuratore Martorelli hanno anche interrogato tutti gli amici che hanno partecipato alla "festa".
L'incresciosa vicenda di violenza sessuale si sarebbe verificata nella notte tra lunedi' e martedi' scorso.

Leggi tutto l'articolo