W l’8 marzo. Sicuri? Sicure? I pro e i contro dell’essere donne nel 2019

Nel giorno che celebra tutte le donne, tra mimose, caramelle e auguri infiniti si fa largo un solo, grande, esitante dubbio: ma alla fine, veramente, cosa diamine c'è da festeggiare?
Donatella Polito
7 marzo 2019
Buon 8 marzo, donne che storcete il naso al sol pensiero di quanti grazie dovrete rispondere a chi educatamente vi porgerà i suoi auguri nelle prossime 24 ore.
Buon 8 marzo, donne sorridenti all'idea di inebriarvi le narici col profumo intenso dei rametti gialli accumulati durante una giornata che si concluderà con una cena in cui il genere maschile, se non in costume adamitico, al massimo è ammesso nella pronuncia di brindisi alcolici “alla faccia sua”.
E buon 8 marzo anche a voi, signori uomini, che con i vostri gesti di mimose regalate e sorrisi elargiti in ottemperanza della liturgia, contribuite alla celebrazione di questa “festa” che scorrendo lenta o frenetica, suscita in molti – magari anche in voi – un solo, grande, esitante dubbio: ma alla fine, veramente, cosa ...

Leggi tutto l'articolo