X-MEN: GIORNI DI UN FUTURO PASSATO. PARLA HUGH JACKMAN.

"Pensavo che la saga finisse con X-Men - Conflitto finale.
Stavano già sviluppando dei prequel, ed io stavo sviluppando i film solitari su Wolverine.
Pensavo che l'idea di un altro film sugli X-Men originali fosse fuori discussione, per questo X-Men - Giorni di un futuro passato è stata una sorpresa.
Ed una sorpresa ben accolta.
Bryan Singer è un regista intelligente.
Questo è il film più grosso che la Fox ha realizzato dopo Avatar, quindi c'è pressione.
Ma lui confida nel film.
Wolverine è un guerriero e non può più nascondersi da questo, anche se le conseguenze sono dolorose.
E poi se c'è un periodo perfetto per Wolverine...
sono gli anni settanta.
I capelli, puoi fumare sigari ovunque...
Wolverine sembra a casa negli anni settanta.
Il film, sebbene abbia un tono più dark del solito, non mancherà di avere un bel po' di umorismo.
Bryan Singer spera di poter includere più battute possibili, soprattutto uno scambio di battute tra Wolverine e il giovane Magneto in cui quest'ultimo lo prende in giro sul futuro: "quindi passerai i prossimi 50 anni nel tentativo di fermarmi?".  Fonte: Il Cinefumettaro - Pagina Ufficiale -

Leggi tutto l'articolo