Zaffiro

Dolce color d'oriental zaffiro, Che s' accoglieva nel sereno aspetto Dell' aer puro, infinito al primo giro, Agli occhi miei ricominciò diletto Tosto ch' io uscì for dell' aura morta, Che m' avea contristati gli occhi e' l petto.
Lo bel pianeta, ch' ad amar conforta, Faceva tutto rider l' oriente...
Dante Alighieri     Nel blu, dice Vasilj Kandinskij come anche Yves Klein, troviamo il dono della profondità.
Quanto più il blu è profondo, tanto più fortemente richiama verso l' infinito.
E' il colore del contatto con la parte interiore, dell' inconscio e dell' immenso.
A livello sottile lo zaffiro è collegato al terzo occhio, espande lo stato della conoscenza ed elimina le confusioni mentali favorendo il contatto con le energie cosmiche.
Lo zaffiro è giudicato utile anche per comprendere il codice del proprio karma (il ciclo della morte e della rinascita) e per farci distaccare dalla vita materiale, favorendo la consapevolezza.

Leggi tutto l'articolo