Zingaretti al Pd: 'Ora cambiare tutto, giustizia sociale al centro'

Nicola Zingaretti é stato proclamato segretario del Pd dall’Assemblea nazionale a Roma.
“Serve un nuovo partito, il nuovo Pd.
Forse dovrà cambiare tutto”, ha detto Nicola Zingaretti nella sua relazione all’Assemblea nazionale del Pd a Roma.
“Tornino ad essere i nostri circoli i luoghi dove gli altri fanno associazionismo – ha aggiunto -.
No a filiere di potere che restringono il nostro rapporto con la realtà sociale del Paese”.
Guarda le fotoPd: Volti e scatti dall’assemblea che ha eletto Zingaretti “Occorre un partito diverso – ha aggiunto -, più aperto, più inclusivo, realmente democratico”.
Un partito che “sia capace di fare autocritica e che guardi alla sofferenza” della società.
“Dobbiamo rimettere al centro la persona umana”, ha aggiunto, citando l’esempio dei giovani ecologisti.
“Spalanchiamo le porte del nostro partito a questa nuova generazione, ai ragazzi come Greta, non abbiamo paura di coinvolgerli”, ha aggiunto Zingaretti.
“Negli ultimi 20 anni non abbiamo percepito che un becero liberismo ha ripreso le redini dello sviluppo: ci vuole più riformismo per affrontare il futuro, per migliorare la vita delle persone.
E’ indispensabile rimettere al centro della nostra politica la giustizia sociale”, ha aggiunto, perché “la lotta alla povertà è la condizione per stare meglio tutti”.
Paolo Gentiloni è stato eletto presidente del Pd dall’Assemblea nazionale a Roma.
Larghissima la maggioranza dei circa mille delegati a suo favore, nessun voto contrario, 86 gli astenuti.
“A questo punto dobbiamo muoverci e metterci in cammino, tutto quello che succede intorno a noi ce lo dice”, ha detto Zingaretti dopo essere stato proclamato segretario.
“Il Pd non è per nulla spezzato e sconfitto”, ha detto tra le prime cose Zingaretti, “gli avversari e anche alcuni amici prevedevano un disastro alle primarie, non è stato così”.
Mille i delegati eletti in tutta Italia chiamati a questo compito.
L’assise primo test del clima nel ‘nuovo Pd’ che vuole Nicola Zingaretti.
Si votano inoltre presidente del partito, tesoriere e direzione (un centinaio di membri).
In pectore per la seconda e la terza carica Paolo Gentiloni e Luigi Zanda, rispettivamente, designati dal leader, non senza malumori della minoranza sul “metodo”.
L’assemblea nazionale del Pd, su proposta del neo segretario Nicola Zingaretti, ha eletto Luigi Zanda tesoriere del partito.
Nessun voto contrario, larghissima la maggioranza a favore, 83 gli astenuti.
Giachetti: non votare [...]