ai tempi di WhatsApp

Può essere legittimo e per giusta causa.
Mentre quello verbale non produce alcun effetto e non interrompe il rapporto di lavoro tra le parti.Sto parlando del licenziamento.           La legge impone(va)  al datore di lavoro di comunicare il licenziamento per iscritto con tanto di carta e busta chiusa.Ma ai tempi di WhatsApp, anche un messaggio assolve  agli oneri di forma che ogni interruzione di rapporto di lavoro deve rispettare.
Così è stato deciso nei giorni scorsi dal Tribunale del Lavoro di Catania quando il giudice ha rigettato il ricorso di una 30enne dipendente di un’agenzia di viaggi  che ha ricevuto un messaggio su WhatsApp in cui l’azienda metteva fine al rapporto di lavoro durato un anno e mezzo.
Non è la prima volta che accade: a Genova,  un barista esperto in aperitivi è stato licenziato con un sms del suo datore di lavoro che diceva così: 'Non faccio più aperitivi, buona fortuna'Segno dei tempi! In fondo, siamo nell’era in cui si sta insieme messaggiandosi, si festegg...

Leggi tutto l'articolo