al peggio non c'è mai fine

Lasciando da parte per un attimo le"spalle "nei capolavori , lanciamo uno sguardo alle file ultime delle realizzazioni cinematografiche, perchè laggiù negli ultimi anni sta "fiorendo" decisamente molto.
Certo, il cinema vive anche delle schifezze, diciamo così; ma mentre prima certe schifezze erano sopportabili per via degli attori o dei personaggi presenti, adesso..
bè, adesso gli interpreti di queste schifezze se ne vantano come se fossero capolavori degni di Wilder( sigh!) o Kubrick(...).
Anni fa, era ervidente che i film di  Ciccio e Franco, Lando Buzzanca, i vari footloose, dirty dancing..per non parlare di scemo e più scemo e tanti altri, li sopportavi- e un pò ti divertivi- perchè non pretendevano di essere niente di più di quello che erano: un modo per tirare avanti la baracca , diciamo così.
Adesso invece, tocca ascoltare spiegazioni entusiaste " questa storia è elettrizzante..
il film chiave della mia carriera"; " nello scrivere la sceneggiatura, regista e sceneggiatore hanno avuto ua gran paura"..
Direi che questi due esempi sono sufficienti:.
meglio qualche esempio pratico.
1.
TMSC: tre metri sopra il cielo: il libro di Moccia era la fine della lingua italiana, il film è la fine della sceneggiatura cinematografica: il povero Scamarcio- che sarebbe bravo anche senza dover fare questi film- incatenato in un ruolo che era già insopportabile quando c'era Stefano Accorsi( ricordate? Jack Frusciante), figurarsi adesso.
2.
Ho voglia di te: stesso copione, stesso pastrocchio.
Qui addirittura peggio, perchè insistere sugli stessi registri- già dimostratisi scadenti- è miserevole 3- Ghost Rider: povero Nicolas! Sì, proprio lui, Nicolas Cage, ormai trascinato in decine di film insulsi ( the wheater man, 11 settembre...) con quell'espressione triste, che sembra dire: "Va bè, lo so che fa schifo ' sto fiilm, ma devo pure mangiare..".
Bisogna ammettere che non è solo colpa sua; lui s'impegna poverino, ma fare la parte di un motociclista che di notte s'incendia tutto e diventa una specie di alfiere dell'inferno, è davvero ridicola..
4.
Il Codice da Vinci: eccolo , il famigerato pastrocchione: già il libro era deprimente, con certe teorie artistiche e linguistiche tutte da ridere( "L'inglese non è mai stato influenzato dal latino" ...
eh, già , 4 secoli di dominazione romana ce li eravamo sognati..); il film , poi..
sarebbe passabie, se il libro non fosse demente e se non l'avessero affidato ad attori che di solito viaggiano un pò più in alto, diciamo così: Tom Hanks con quei capelli lunghi e pieni di [...]

Leggi tutto l'articolo