anne sexton - scandalous

ANNE SEXTON -LA BALLATA DELLA MASTURBATRICE SOLITARIA- La fine della tresca è sempre morte.Lei è la mia bottega.
Viscido occhio,sfuggito alla tribù di me stessa,l'ansimo non ti ritrova.
Fo orrorea chi mi sta a guardare.
Che banchetto!Di notte, da sola, mi sposo col letto.Dito dopo dito, eccola, è mia.E' lei il mio rendez-vous.
Non è lontana.La batacchio come una campana.
Mi chinoNel boudoir dove eri solito montarla.M'hai preso a nolo sul fiorito copriletto.Di notte, da sola, mi sposo col letto.Metti ad esempio, stanotte, amor mio,che ogni coppia s'accoppiarivoltolandosi, di sopra, di sotto,in ginocchio saffronta spingendosu spugna e piume l'abbondante duetto.Di notte, da sola, mi sposo col letto.Così evado dal corpo,un miracolo irritante.
Come possomettere in mostra il mercato dei sogni?Son sparpagliata.
Mi crocefiggo.Mia piccola prugna è quel che m'hai detto.Di notte, da sola, mi sposo col letto.Poi venne lei, la rivale occhi neri.Signora dell'acqua si staglia sulla spiaggia,co...

Leggi tutto l'articolo