automobilisti bizzarri

Su un forum che frequentavo tempo fa il mio caro amico tenny aveva lanciato il post “le piu grandi figuracce della Vs vita” .
Inutile precisare che quello fu il post con piu commenti di tutti e inutile precisare che io ho contribuito parecchio, cosi eccone un piccolo assaggio: Era una splendida giornata di primavera e io a bordo della mia meravigliosa macchinina rossa giravo per le strade della Brianza.
Ad un certo punto, da automobilista disciplinata quale forse non sono sempre, mi imbatto in un semaforo rosso e ovviamente mi fermo.
Approfitto cosi, per mandare un sms , alzo gli occhi e leggo un cartellone sotto il semaforo, mi rispondono all’sms e leggo la risposta, intanto dietro arriva un automobilista e mi suona..
io lo guardo dallo specchietto perplessa, quindi mi rimetto a farmi gli affaracci miei.
Sistemo il ciuffo bizzaro, e LUI si rimette a suonare.
A questo punto penso che forse è una persona che mi conosce e che mi vuole salutare, guardo bene nello specchietto..
ma nulla, IO non lo conosco.
Mi metto a frugare nella borsa, sempre ovviamente con un occhio vigile verso il semaforo rosso, Questo mi risuona e mi fa segno di andare un po’ avanti e io che “sono una persona gentile” penso che forse vuole spostarsi all’ombra e cosi avanzo un pochino e mi rimetto a guardare il mio cellulare; Questo risuona… io lo riguardo e lui con un labiale ben marcato mi dice..
“VAI UN PO’ AVANTI” ..
io vado un pochino piu avanti (ma non voglio mettermi al sole ufff, cosi mi muovo proprio di poco) e mi rimetto a farmi i fatti miei… questo risuona e con un labiale ancora piu marcato dice “ V A I U N P O ‘ P I U’ A V A N T I “ e ovviamente fa anche cenno con la mano.
Io che ho osservato la scena sempre dallo specchietto per cui lui ha sempre visto solo i miei occhi..
alzo un po’ il viso..
e con un labiale marcato e piuttosto seccato gli dico facendo anche gesto con le dita chiuse come a dire “ma cosa vuoi da me” “ C A Z Z O T I C A M B I A? “ A questo punto..
lui..
esce dalla macchina..
si avvicina alla mia (era un’armadio) mi fa segno di abbassare il finestrino… e mi dice serafico “lo leggi il cartello sotto il semaforo? Se non vai avanti, facciamo notte qui” quel famoso cartello sotto il semaforo diceva “Semaforo a chiamata, fermarsi sopra la linea di arresto”

Leggi tutto l'articolo