avere una vita e parlarne all'oscurità per ascoltarla

Avere una vita e parlarne all'oscurità per ascoltarla, la mia pagina uno non ha ancora avuto risposte, esiste una pagina due?, forse quella pagina è speculare alla precendente, con maggior esperienza, più paura, molto da dare e ricevere.
"vuoi buttare all'aria tutto quello che abbimo costruito", e ci si chiede cosa è stato costruito e quanto distrutto?, dal desiderio alla condivisione, ai piaceri di lasciarsi le libertà di scegliere questa o quella cosa, professione, sport, passatempo, per poi ritrovarsi su un divano e come in una scensa da film, parlare della giornata e ridere insieme.
Piangere da soli, come se facessimo parte dei personaggi di una ballata di de Andrè, "quando si muore si muore soli", è la voglia di vivere che i nostri occhi ci stanno dando, quello sfogo serve a liberarci, l'oppressione che sentiamo sta trovando uno sfogo in quel gesto, abbiamo pianto a sufficienza per alzare gli occhi e guardare il nuovo giorno.
Le mie piramidi rovesciate, piccole perle costruite ...

Leggi tutto l'articolo