caleidoscopio autunnale

ROBERTO BOLANO Una persona - dovrei dire una sconosciuta - che ti accarezza,scherza con te, è dolce e ti porta fin sull'orlo di un precipizio.Là, il personaggio dice ah o impallidisce.
Come sefosse dentro un caleidoscopio e vedesse l'occhio che loguarda.
Colori che si ordinano secondo una geometriaaliena a tutto ciò che sei disposto a prendere per buono.Così inizia l'autunno, tra il fiume Onar e la collina di Las Pedreras.La sconosciuta è sdraiata sul letto.
Attraverso scene senzaamore (corpi piatti, oggetti sadomasochistici, pillole e smorfie da disoccupati) arrivi al momento che definiscil'autunno e scopri la sconosciuta.   Nella stanza, oltre al riflesso che risucchia tutto, osservisassi, lastre di pietra gialla, sabbia, guanciali con capelli, pi-giami abbandonati.
Poi sparisce tutto.Scherza con te, ti accarezza.
Una passeggiata solitaria nel-la piazza dei cinema.
Al centro un'allegoria in bronzo: "La battaglia contro i francesi".
Il soldato semplice la pi-stola alzata, si di...

Leggi tutto l'articolo