calendimaggio

quando lavoro e lotte facevan di sè festa e bellezza , e lungo il Rettifilo la fiumara fin dentro la piazza esibiva di sè orgoglio e gioia , e tra le folle sfilavano i canti e le bandiere , le facce dure e le camicie buone ...il pugno chiuso e le bandiere al vento , l aria eccitata intorno pel frastuono , e farsi piccoli davanti alle migliaia , passa l Irpinia e il Sannio , la Terra di Lavoro ed il Cilento , passan le genti dei vicoli e dei monti , passavano i gruppi , e i gridi , e gli striscioni , e i balli ...facce di plebi e cuori d operai , il mento alzato e senza scorno in faccia passavano , e i nomi erano echi di battaglie , di scontri duri e di contratti vinti , di chi vince per sè , e anche per gli altri , ed anche per quelli che verranno dopo ...passa Bagnoli , gli occhi che fissan dai forni la lastra incandescente , e poi le donne dell Agro Nocerino , dalle mani spellate , giorni e notti incatenate ai lor cancelli , passano l Indesit ed Olivetti vertenze lunghe e occupazioni...

Leggi tutto l'articolo