capitolo 1...e ciao....

era un periodo nero...
mia madre non era mai in casa...
ed io mi sentivo sempre sola...
così telefonavo su quei numeri dicendo di avere 18 anni ed inventandomi di essere più grande...
mentre invece ne avevo 17...
quel giorno mi hai risposto tu...
mi dissero che volete parlare da soli...io avevo detto di chiamarmi Kiki...
prendevo Cioè facevo una sfilza di nomi e poi sceglievo quello che mi piaceva di più...
e kiki era diventato il mio preferito...
così io ho detto ok...
e tu mi ti sei presentato...
piacere io sono Cristiano...
bel nome ho pensato...
deve essere carino...
senti che voce che c'ha...
e tu beh io sono piccolo e bruttino...
ed io ma che diciiiii...
e tu e sono pure fidanzato...
ed io...
beh io ti ruberò cuore corpo anima e cervello...
ma non sapevo che stavo mettendo in atto qualcosa di più grande di me...
e tu...
ci andiamo a prendere un caffè che ne dici? sì tu ed i tuoi caffè...
che poi siamo andati giù alla via del Sole ed abbiamo pomiciato...
ed io la tua lingua in bocca ancora me la ricordo...
però è strana sta cosa...
perchè io mi ricordo la tua lingua ma non mi ricordo la tua faccia...
mi ricordo di averti sbottonato i pantaloni e di averlo preso in mano...
ma di non averti fatto venire...
però questo ricordo ce l'ho molto ma molto sfocato...
perchè da allora sono passati 17 anni...
e mi ricordo che mi piacevi da morire...
che ti trovavo intelligente affascinante e simpatico...
e che odiavo quella cavolo di Barbara...
oddio se la odiavo...
da morire...
perchè io e te ci sentivamo al telefono e poi tu mi mettevi mille paletti...
perchè c'era lei...
perchè dovevi capire...
perchè di qua e perchè di là...
ed io mi dicevo...
ma che cos'è che a me mi manca per piacergli quanto lei...
che cosa c'è che in me non va come va in lei...
e ti volevo che diventavi mio...
ah sì se ti volevo....
però il tempo passava ed io e te eravamo solo amici...
siamo usciti qualche volta e me lo ricordo...
però niente di che...

Leggi tutto l'articolo