cieli scoloriti VS cose che sanno di buono

Per qualcuno   è decadenza: la natura che si ripiega su se stessa e che rende i frutti di una buona semina prima e di un buon raccolto poi,  le giornate uggiose che invitano alla malinconia, i cieli grigi che invogliano al dolce  far niente.
A qualcuno battono i cervicali, ad altri il raffreddore.
Per altri, invece, l' è rassicurante.
Parrebbe che già dall’infanzia leghiamo l’autunno a cose che sanno di buono e che rincuorano gli animi.
Riposto tutto ciò che di svolazzante e leggero ci mettevamo, i maglioni che indossiamo e il plaid  con cui ci copriamo riscaldano non solo il corpo  ma anche il cuore.
Che il ritmo delle stagioni influisca sul nostro benessere o malessere, ci può stare.
Secondo voi cosa c’è,  se c’è,  di tanto entusiasmante in questa stagione a parte le infinite tonalità di colori accesi  e stemperati che dipingono i boschi, lo scricchiolio delle foglie secche sotto i nostri piedi e le zuppe calde che fanno casa?  

Leggi tutto l'articolo