cominciamo a parlare di Mons. Bregantini

Il discorso di benvenuto al Masci per il Convegno a Locri 20-22 aprile 2007:   Poche parole affettuose per la Rivista del MASCI  “ Strade Aperte ”, in occasione dell’incontro, condiviso con la Chiesa e la Città di Locri, che dal 20 al 22 aprile p.v.
celebrerà il Convegno Nazionale per il Centenario della Fondazione dello Scoutismo.
    Il Fondatore dello Scoutismo, Baden Powell, protestante, aveva una visione molto ampia e ben tratteggiata sulla necessità di porre Dio al centro di ogni esperienza comunitaria nel cammino della vita scoutistica.
Il suo messaggio era diretto soprattutto ai giovani, che vedeva artefici di fraternità e custodi del creato, invitandoli a costruire il mondo secondo il linguaggio di Dio Creatore, per lasciarlo così più bello ai posteri.
Questo, del resto, è un messaggio eminentemente cristiano.
Creato e salvato gratuitamente da Dio, l’uomo deve esserGli riconoscente di tale dono d’amore.
Non solo: deve anche custodire in sé e donare all’umanità intera un cenno di riconoscente gratitudine attraverso responsabili atteggiamenti di vita.
    Scegliere la Città di Locri per celebrare questo Centenario, significa guardare con occhi positivi questa terra magnifica ma indebolita nella sua storia passata e recente, nella quale uomini e donne coraggiosi e mai piegati difronte ad ogni forma di male, desiderano camminare a fronte alta, dignitosamente protesi a riscattare i suoi villaggi e le sue contrade, le sue strade e le sue città, da ogni violenza e arroganza mafiosa con lo stile di una mansueta fraternità.
    Il messaggio che questa occasione ci offre, è un messaggio di speranza e di coraggio.
E’ ciò che cercherò di donare agli Illustri partecipanti che invaderanno pacificamente le nostre strade in occasione di questo importante appuntamento cui guarda tutta la Nazione e anche, con speciale rispetto, la Chiesa.
    Educare alla responsabilità, guardare la Città dell’Uomo come luogo di crescita e di conoscenza umana, promuovere capacità di interventi sul creato e la sua salvaguardia, essere attivi protagonisti della vita sociale intesa in senso cristiano: sono questi i pilastri di un lavoro impegnativo per costruire la casa comune nella fraternità e nella serietà del compito.
    E’ questo il mio augurio che come Vescovo anticipo con cuore amico al MASCI, a tutti gli Amici che desiderano camminare seguendo la luce della speranza.
    A tutti, il mio benvenuto in questa terra baciata dal sole dell’accoglienza e del calore umano.
        + p [...]

Leggi tutto l'articolo