con cuore leggero verso il nuovo anno

oltre le tempeste ancora si vive oltre il tempo si va  laddove rosato appare all'orizzonte e si parte per un nuovo viaggio si va oltre verso quel che è più in là  oltre la notte, guardando chiarore nella luna  brillio di stelle illuminerà nel buio il cammino un nuovo viaggio, un anno che alle porte è, parto e vado con la mia anima al vento con il cuore che semplicemente battito è, si parte da qui per incontrare ancor la vita:  uomo, donna o bambino sei tu, con le spalle pesanti da giganti  ma un cuore elefante che pulsa comunque  sempre anche se non vuole e vede al di là delle nostre vite andando sempre più in là,  oltre una rosa, petalo e spina; ci si ferma a tratti sugli scogli della vita ma poi dopo un respiro si riprende ad andare  al passo dei giganti, si prende il nostro tempo sulle spalle pesanti e ancora si va, si riscopre nuovamente la vita e andando si impara ad amare perché mai finirai ad apprendere  come si ama, oltre quel tutto, quel niente che è, si vede oltre quell'amore  con cuore leggero  stupiti di gustare ancor questa vita nonostante brucino ferite nonostante quel tutto che niente è, si prende tutto il peso dei giorni  e si va incontro ad un nuovo anno  che è già qui, che batte alle porte, ci si piega alla vita e ci cerca di vedere quanto buono  nell'uomo c'è, anche se male d'intorno che osservi  e si resta in silenzio per giorni indifesi dalla sofferenza  dal dolore che scorre nella lacrima vellutata, prendo tra le dita ciò che per me è amore e costruisco il mio domani chissà utopia sarà, ma voglio poter credere che così non sarà...
e così vado incontro alla vita nel vento del nuovo anno  sperando che scintilla d'amore, folata di vento arrivi anche laddove deserto arido è e chissà un giorno giardino fiorirà...
intanto si procede nella neve e...
***

Leggi tutto l'articolo