contratti dal trattamento minimo alla rappresentanza

Il testo parte dalla conferma dei due livelli di contrattazione, il primo nazionale ed il secondo aziendale o territoriale, indica i criteri di calcolo degli aumenti salariali e, tra le principali novita', introduce il Trattamento economico complessivo (Tec) ed anche il Trattamento economico minimo (Tem), che dovranno essere individuati nel contratto collettivo nazionale di categoria.
Il contratto nazionale evidenziera' anche "la durata e la causa di tali trattamenti economici e il livello di contrattazione a cui vengono affidati dovendosi, comunque, disciplinare, per i medesimi trattamenti, gli eventuali effetti economici in sommatoria fra il primo e il secondo livello di contrattazione".
Infatti, si afferma, "dovra' incentivare lo sviluppo virtuoso - quantitativo e qualitativo - della contrattazione di secondo livello, orientando le intese aziendali, ovvero quelle territoriali (laddove esistenti), verso il riconoscimento di trattamenti economici strettamente legati a reali e co...

Leggi tutto l'articolo