contratto

Nel BDSM, tra il Padrone e la schiava si crea un legame di appartenenza così profondo che talvolta i due possono decidere di firmare un contratto che leghi l’uno all’altra.
Tale contratto, pur non avendo una valenza legale, può rafforzare l’unione tra “Master” e “slave”, appagando il reciproco desiderio di appartenenza.
A proposito del termine “riduzione in schiavitù”:  la schiavitù è un vero e proprio reato e che termini come Padrone e schiava sono usati esclusivamente nell’ambito di un gioco erotico.
Esempio di Slave Contract: Volontariamente, in modo pienamente consensuale, nel pieno possesso di tutte le facoltà mentali, senza alcuna costrizione da parte di alcuno, le seguenti persone: XXXXXX e XXXXXX stipulano il seguente contratto stabilendo così i termini esatti del reciproco accordo relativo al rapporto tra i due soggetti che saranno da qui indicati con i termini Padrone e schiava.
La schiava consapevolmente decide di sottomettersi al suo Padrone e ad ogni sua volontà sia nella forma che nella sostanza di ogni suo atto.
La schiava riconosce in base alla sottoscrizione del presente contratto che il suo corpo appartiene totalmente al suo Padrone che potrà farne l’uso che riterrà opportuno senza alcuna limitazione.
La schiava decide sottoscrivendo il presente contratto di rinunciare alla possibilità di interrompere le pratiche, le sessioni, e qualsiasi atto a cui il Padrone decida di sottoporla.
La schiava è consapevole che urlare, pregare e/o supplicare di porre termine alle pratiche che il Padrone di volta in volta deciderà non servirà a interrompere tali pratiche o cambiare la posizione della sua condizione scelta di sua iniziativa e volontariamente con il presente contratto.
Compito principale della schiava è la soddisfazione totale del suo Padrone.
La schiava si impegna a soddisfare il Padrone nel miglior modo possibile ponendo il piacere e la soddisfazione del Padrone prima di ogni altra cosa al mondo).
La schiava si impegna formalmente a rinunciare totalmente a sé stessa, e decide di affidare il suo corpo, la sua anima, e la sua morale in modo totale, pieno ed esclusivo nelle mani del suo Padrone che potrà disporre di lei senza limitazioni alcune.
La schiava è consapevole che l’inottemperanza a queste norme comporterà l’applicazione di punizioni da definirsi di volta in volta e che il Padrone riterrà più opportune, fino alla rescissione del presente contratto.
La schiava firmando il presente contratto dichiara di essere pienamente consapevole che fin dalla sua firma [...]

Leggi tutto l'articolo