estremi

Ecco queste mie ‘note’ su Ciaikovskij; dopo un inizio apparentemente estraneo, tratto da una marcia sull’Album per la gioventù, l’ascoltatore vi scoprirà le più varie rielaborazioni della VI Sinfonia Pathètique, gli ‘estremi’ per riconoscere i 4 suoi movimenti, portati a un estremo, forse, delle loro implicite latenze.
Così, le dissonanze del secondo movimento vengono risolte in una serie di silenzi (anzichè in consonanze); il climax del primo tempo ispessito da microintervalli, con il fagotto che accenna al terzo movimento prima di questa esplosione; infine, il quarto movimento viene sventagliato polifonicamente tramite la sua stessa originalissima orchestrazione, ed evidenziandone una scala discendente di tre suoni che si rivela un’ossatura generatrice di molte delle idee principali di tutta la sinfonia.
Ho voluto scrivere un omaggio credo affettuoso, appassionato e analitico, che può aprire cuore e mente.
 L’occasione, il primo centenario della morte (1893), di cui è pervasa la sudd...

Leggi tutto l'articolo