forzosamente tratto da:

trattore:  lorgoglioriccio (di Fanny_Wilmot) l'ente immaginario ha rosse carni  e liquidi d'arancio in fluttuazione   gialli respiri e pasti scarni   nel prato tutto verde dell'amore l'azzurro del cielo ha i groppi alla gola   il prato, sempre una rosa...
una viola   e quando tutto si fa lento e stanco  la comprensione si veste di bianco immaginati immersa in un tramonto   con l'anima che espande il suo respiro   la luce bassa culla e da conforto   quell'attimo non mira a alcun raggiro     poi vallo a raccontare:  "minchia che bel tramonto..."   come puoi trasferire   la vita dentro un morto?     Perturbabile  

Leggi tutto l'articolo