free news /lasciate in edicola i quotidiani

Le dure critiche all'Italia arrivano dalla Spagna.
Grazie al meraviglioso sito Italia dall'estero, si sa quello che pensano all'estero di questo Paese di marionette  nella quale io non ce la faccio ad invidiare proprio nessuno.Cose sacrosante hanno scritto gli spagnoli.
La libertà di stampa in Italia non esiste,tv e giornali non possono toccare la Casta, i politici non vanno criticati perchè sennò ti cacciano.L'ultimo mezzo libero che c'è è Internet e anche li stanno già preparando le contromosse per bloccare anche questo "sistema di gioco"  .
Il giornale spagnolo appare preoccupato perchè se viene approvato in un paese dell'Unione Europa, dopo c'è il rischio che in molti lo imitano,ma non credo.I delinquenti che ci sono In Italia è difficile trovarli in altri paesi,almeno in quelli dell'Occidente sviluppato.
da www.voglioscendere.it GLI SMEMORATI DI COLOGNO (di Marco Travaglio) Manca poco al debutto dello show di Fiorello su Sky, previsto per il 1° aprile.
E chi ha parlato con lui dopo il 22 gennaio, giorno della sua improvvisa e improvvida visita a Palazzo Grazioli, l’ha trovato piuttosto turbato.
Molto meno sorridente di quanto era apparso ai cronisti entrando e uscendo dalla magione presidenziale.
In quell’ora di colloquio con lo showman, presenti il sottosegretario Gianni Letta e il Guardasigilli Angelino Alfano, Silvio Berlusconi non si sarebbe limitato alle battute su Kakà e sulla celebre imitazione dello “smemorato di Cologno”.
Ma avrebbe intimato a Rosario di non firmare il contratto con la società di Rupert Murdoch (cui il governo aveva appena raddoppiato l'Iva).
Fiorello avrebbe bluffato, sostenendo di aver già firmato.
Il premier però avrebbe ribattuto che era una bugia: “So per certo che non hai ancora messo la firma”.
E aveva ragione lui.
A quel punto - sempre secondo chi ha parlato con l’artista - il Cavaliere gli avrebbe ricordato che il suo passaggio a Sky è una strada senza ritorno.
Come dire che l’artista e la sua squadra non lavoreranno mai più per Mediaset e per la Rai, prossima alla riberlusconizzazione: “Altro che smemorato di Cologno: io ho una memoria di ferro…”.
Si tratta solo di indiscrezioni, impossibili da riscontrare con conferme ufficiali.
A meno che, il 1° aprile, Fiorello non faccia uno scherzo al Cavaliere rivelando in diretta che cosa gli disse davvero due mesi fa.
Ma poniamo che le voci siano infondate e che il premier si sia limitato all’innocente battuta riportata da Fiorello uscendo da Palazzo Grazioli (“Ma che vai a fare, passi al [...]

Leggi tutto l'articolo