iPhone 5: cara Apple, io volevo le lucine

Apple ha focalizzato di nuovo l'attenzione di media ed entusiasti di tecnologia con l'annuncio del suo nuovo modello di iPhone, lo smartphone che fa sognare tutto il mondo con il semplice suono di una marimba.
iPhone 5 è più bello, più grande, più potente e più duraturo.
Tutto qui? Di solito questi attributi sono sempre stati appannaggio di chi, roso dall'invidia, inseguiva la magia della Mela e sbandierava (e tuttora sbandiera) tali caratteristiche, in alcuni casi rese ben evidenti con schermi giganti, doppi processori, effetti grafici nell'interfaccia utente, ecc.
ecc.
Ora pare che persino Apple sia caduta nell'esercito dei follower, per assurdo, di se stessa.
Una caduta di stile, di idee o inseguimento del mero profitto? Le armi che hanno permesso ad Apple di arrivare al cuore dei gadgettari sono sempre state lame ben affilate, certo non gli spadoni medievali più utili a fare legna che a combattere.
Stile a parte, ciò che meraviglia è che non ci sia stato alcun ohh e ahh durante la presentazione il cui ritmo, per altro, non era certo pensato per introdurre colpi di scena.
E nessun colpo di scena c'è stato.
Durante la presentazione sembrava di assistere a una pantomima studiata per la clack e poco sentita persino da chi si è impegnato sul palco.
Freddi manager.
Fredde statistiche.
Freddo pure il pubblico, non che si mormorasse di novità eclatanti però, in fondo, sperava di essere contraddetto, invece...
l'unico rumore era l'eco futuro dei registratori di cassa.
Apple è nota per trasformare i suoi punti di debolezza in marchi che la contraddistinguono.
Vogliamo parlare del mouse con un solo pulsante? Cosa ci voleva ad aggiungere il secondo e pure la rotella, strumenti ritenuti comodissimi da chiunque...
ma, niente da fare.
Piuttosto che niente, Apple ha implementato una tecnologia per far sparire anche l'ultimo pulsante e distinguersi così da tutti gli altri.
Vogliamo parlare del tasto Canc? Utile pure quello e per anni assente e in qualsiasi tastiera Apple.
E per i telefoni, vogliamo parlare di un paio di pulsanti in più? Con due o tre pulsanti, probabilmente si eviterebbe di usurare l'unico presente.
E del connettore USB? Ancora un cavo proprietario...
non so cosa ne pensa l'autorità europea, che già aveva ribadito l'obbligo di unificare i connettori a uno solo.
iPhone 5 non ha nemmeno fatto valere una minima differenza sexy con il suo predecessore.
Nessuna curva da accarezzare, nessuna superficie ammiccante, nessun dettaglio provocante.
La forma di iPhone 5 è un candybar.
Stop.
Cara Apple, io volevo le [...]

Leggi tutto l'articolo