il Rimino

Un lettore del «Ponte» ha scritto al giornale una lettera in cui parla anche di me.
Riporto: «Non sono mai d’accordo con gli scritti di Antonio Montanari».
Rispondo.
Lecito ed inevitabile.
Nessuno pretende che tutti la pensiamo allo stesso modo.
Il lettore aggiunge: «Questo governo ed i suoi sostenitori sono trattati sempre come feccia senza cultura e solidarietà».
Non è vero.
Ho cercato sempre di dimostrare che «questo governo ed i suoi sostenitori» una cultura ce l’hanno, ed è quella dei loro affari (ovvero la famosa questione del conflitto d’interessi, e gli attacchi alla magistratura).
Così per la solidarietà.
Reciproca.
Mafiosa.
Non è vero per nulla quello che il lettore aggiunge, non so più se parlando ancora soltanto di me o se in generale del giornale: «Mentre porte aperte all’altra corrente...».
Qui il lettore, se si riferisce a me, è molto disinformato.
Come lo ero io a proposito di questa sua lettera che non mi è stata mostrata prima della pubblicazione.
Non mi è stata offer...

Leggi tutto l'articolo