il diabolico piano...

Lo sguardo accarezzava il verde tappeto del  “green” e si focalizzava sulla buca.
In un silenzio carico di tensione, studiò la distanza e l’inclinazione del terreno, poi con delicatezza, trattenendo il respiro colpì… La piccola sfera rotolò verso la buca, sembrò deviare leggermente a sinistra, ma sentì il piccolo avvallamento che la fece ritornare in traiettoria e sparì nella buca.
Un sorriso di soddisfazione si allargò sul suo volto.
  Il suo avversario pensò che quell’espressione di gioia controllata era per il tiro…non sapeva che invece quel ghigno nascondeva la gioia di aver finalmente trovato la soluzione del suo problema.
 Il piano perfetto per fermare l’irresistibile ascesa di Antonello, in testa alla classifica,  aveva finalmente preso forma nella sua mente !   Finalmente Lunedì la storia sarebbe cambiata….
Oggi scendo in campo con un lieve ritardo a causa di un piccolo impiccio dell’ultimo momento.
Mi accingo a fare le squadre, ma c’è una sorpresa… Clemente sembra aver avuto un’idea originale.
Propone di far giocare il primo in classifica, in questo caso Antonello, insieme con l’ultimo, guarda caso, Alfredo.
L’idea trova spazio nei cuori degli astanti e così si comincia.
Con Antonello gioca Ciccio, Pachino, Il Vate (al quale Ciccio continua ad aggiungere una “r” finale, Franco e “La freccia del Lunedì”, vale a dire Tony.
Di qua, io, Clemente, Gigi, Busca, “Ernesto gioca lesto” e  Beck.
Neanche il tempo di dire “via!”, che Tony confeziona una splendido gol in mezza rovesciata, eludendo la propria marcatura.
Dopo 5 minuti Pachino lo imita, confezionando un gol di ottima fattura, con un violento tiro alla mia sinistra.
Certo, non c’è da stare allegri.
Dopo 5 minuti siamo già sotto di 2.
Guardo in volto i miei compagni e noto che Clemente è l’unico che non sembra preoccupato.
Non passa molto che il Busca ritrova lo scatto dei bei tempi e segna.  Ernesto decide di non essere da meno e dopo dieci minuti insacca il gol del pareggio.
Và avanti così una partita tiratissima in cui il risultato si alterna più volte, a favore dell’una o dell’altra squadra.
Poi, forse a causa dei continui improperi di Ciccio e Antonello, il vate(r)  s’intasa.
Perde un paio di palle importanti e noi andiamo in vantaggio di 2 gol.
A quel punto la svolta ! Sino a quel momento , Antonello aveva disegnato da grande artista le migliori trame di gioco della sua squadra.
Ma il fato avverso era in agguato per ghermirlo…mentre tentava uno stop innocuo,mette un piede sul [...]

Leggi tutto l'articolo