il ministro GELMINI va a Reggio Calabria per diventare Avvocato. Perchè?

Piovono critiche dopo che l’articolo del Corriere della Sera ha rivelato come il ministro dell’Istruzione si era trasferita a Reggio Calabria per avere la matematica certezza di passare l’esame di Stato Roma, 4 settembre 2008 - Riflettori puntati su Maria Stella Gelmini, ministro dell’Istruzione, già al centro del dibattito mediatico per il ‘pacchetto’ sulla scuola che tra voto in condotta, maestro unico e altre ‘piccolezze’ promette di rivoluzionare il ‘piccolo mondo antico’ della scuola nostrana e ora al centro di un ‘caso personale’ dopo l’articolo di Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera.
Secondo quanto scritto da Stella, che a sua volta cita Flavia Amabile, la Gelmini nel 2001 si sarebbe trasferita da Brescia a Reggio Calabria per avere la quasi matematica certezza di passare l’esame di Stato per diventare avvocato, visto che nel capoluogo calabrese la percentuale di ammessi agli orali era del 93,4%, il triplo che nella Brescia della Gelmini (31,7%).
A chiedere le dimissioni del ministro è, per primo, Gaetano Romano presidente dell’Unione Giovani Avvocati Italiani: “E’ nota a tutti l’enorme difficoltà di diventare avvocati in Italia - dice - dove a livello nazionale ormai solo il 35,40% dei candidati riesce ad abilitarsi, tuttavia è davvero incredibile che ad utilizzare la scorciatoia del trasferimento sia stata proprio colei che ha sottolineato la mancanza di preparazione di una parte degli insegnanti italiani che si trasferiscono al Nord Italia”.
“E’ bene che il Ministro si dimetta senza ritardo anche perché, se non lo farà, i giovani avvocati italiani sono ansiosi di verificare come si comporterà ad uno dei prossimi consigli dei ministri dove il ministro della Giustizia Alfano ha già anticipato che porterà all’interno della riforma della Giustizia la riforma dell’accesso forense che a nostro parere è tesa a rinforzare ancora di più la casta degli avvocati cassazionisti”.

Leggi tutto l'articolo