il mondo a colori

So che esistono altri orizzonti.
Fino ad ora li avevo soltanto intravisti distrattamente...come un giornale buttato a caso su un divano,una bottiglia d' acqua in frigorifero.Immagini evidenti ,eppure invisibili al mio occhio:troppo pigro per la consapevolezza.Il"nuovo" spaventa chi non ha pelle,protezione dai batteri del mondo .Mi aveva ripiegata su me stessa ed io seduta con la testa china sulle ginocchia,le mani e le braccia intrecciate su di essa come una fasciatura,mi ero esclusa ed avevo escluso.Una posizione,questa ,durata troppo a lungo.La stanchezza mi ha preso le membra ,infastidito con il suo formicolio.Ho sollevato e liberato la testa fasciata,mi sono alzata ,cominciando a correre incontro al tempo perduto distribuendo calci ai parassiti che avevano fatto di me un vegetale.

Leggi tutto l'articolo