il tempo passa e va sempre peggio

Oggi è il 16 giugno, il tempo passa i dolori restano.
L'11 marzo quando sono andata a svegliare il mio adorato Michele il mio figlio disperato e meraviglioso lo ho trovato morto, freddo rigido, la chiamata al 118 e da quel momento in poi tutto è andato storto, tutto ha richiesto più tempo, tutto al rovescio, cominciando dall'ambulanza del 118 che ha trovato sulla tosco romagnola il pullman degli studenti che ha preso fuoco e tutto era bloccato, la tirreno-adriatica che in quei giorni ha fatto tappa a Cascina i carabinieri che hanno sbloccato Michele non chiedendo l'autopsia che però ha richiesto il medico, quindi prima c'è stato il trasferimento alle cappelline a Cascina per un  pomeriggio e una mattina e poi....
chiusura e via!!! trasferimento ad anatomia patologica per l'autopsia, ma non il giovedì pomeriggio, no neppure il venerdì mattina ma il venerdì pomeriggio perché la tirreno-adriatica doveva ripartire il venerdì mattina e tutto era bloccato, tanto che l'autopsia è stata fatta il sabato mattina, ma quando mai una autopsia viene fatta di sabato mattina? mica è urgente!!! ma probabilmente hanno visto che Michele si stava veramente sciupando.
Di già il giovedì mattina stava perdendo liquidi dalla bocca.
Il funerale il lunedì pomeriggio.
Ma chi c'era? e che ne so? sempre troppi per quanto mi riguarda.
Il dolore è personale, ho sempre l'impressione che chi partecipa ad un funerale e non è un parente stretto lo faccia solo per vedere quanto i parenti realmente soffrano e come si comportano per poi poterne chiacchierare.
Poi il marmista che ha sbagliato la data di nascita (ha scritto 10 invece di 2 per il mese) e il mettere la pietra ha richiesto 3 settimane di ritardo, il vedere quella tomba con il cemento senza il marmo mi faceva stare male veramente, mi sembrava che Michele stesse lì seduto ad aspettare e intanto diceva "ora voglio vedere quanto mamma ci mette a sistemare questo casino.
O perché non mi ha ancora messo a posto?" Ora che è finito mi sento un poco più serena.
In tutto questo il mio cancro come sta? e che ne so? aspetto la mammografia a fine luglio e la visita oncologica a fine agosto e poi vedremo, di certo non sto bene, ora poi mi è venuto il dito a scatto e non uno no, facile la vita! il pollice della mano sinistra e l'anulare della mano destra, il problema è che è parecchio fastidioso, non particolarmente doloroso, fastidioso è la parola giusta e mi limita molto nelle mie attività anche usare il cambio in auto richiede attenzione altrimenti mi faccio male, poi il pollice viene [...]

Leggi tutto l'articolo