indaco, condizioni

NINA CASSIANINDACO1Pur se indistinto nell'arcobalenoio ho sempre pensato una tonalitàtra il blu e il viola scurocon una nota implicita di nerocome un baccello di vaniglia,come il palato di un leopardo,come un lago che a sera dia rifugio ad un'anima di morchia,a erbacce insidiosee a un ragno taffetà2A voltepiù dell'arte o dell'amoreho caro il sonno.Mi aiuta a sprofondare in ondeggianticolori intermediari, nel riflessodi una lama Gillette, nello sbadigliodel leopardo e in tutte le mie viteintermediarie che mi curanodall'eccesso di presenza e precisione.3L'indaco è il mio patrigno incestuoso. versi da C'E' MODO E MODO DI SPARIREAdelphi editore, 2013, pagine dalla 244 alla 247l'immagine che sceglierei:donne al bar di un picasso blu.      fuck notail ragionamento su di un colorecome una nota riuscita,ravviva la memoria eprolunga la propria essenzanell'intimo di chi lo percepisceassumendone la semplice descrizione.ragionare di quante potrebbero essere le descrizioni del medesimo co...

Leggi tutto l'articolo