l'invenzione della "minestrina"

Non sono una brava cuoca, per anni sono stata presa in giro dai miei perché il menù che potevo offrire era estremamente ridotto. tre o quattro cose e le più scontate.
Insomma a me le trasmissioni di cucina alla tv mi annoiano a morte: sono contenta che ci sia gente che cucina bene e se lo fa in un locale pubblico vado volentieri a mangiare e amen.
Con gli anni sono un po’ migliorata soprattutto per rispondere alle esigenze di mio marito, vegetariano storico (da più di quarant’anni, da quando bisognava spiegare cosa significava).
Ho imparato, pare, a fare ottime zuppe (che non assaggio nemmeno per sentire se vanno bene di sale come racconto qui), il ragù tradizionale alla bolognese  e poche altre cose molto tradizionali ed estremamente popolaresche (polpette, spezzatino, peperonata…).
Qualche anno fa è capitato che in seguito a una paio di interventi chirurgici il mio marito vegetariano avesse la necessità di recuperare le forze cosa che richiedeva un apporto vigoroso di proteine che lu...

Leggi tutto l'articolo