la comunità rom Abruzzese NON HA NULLA DA FESTEGGIARE

lunedì, 12 luglio 2010 Alba Adriatica A seguito della scarcerazione per decorrenza dei termini dei giovani rom accusati dell'omicidio di una persona ad Alba Adriatica la comunità rom Abruzzese NON HA NULLA DA FESTEGGIARE, come riportato dai media locali, ma nell'esprimere  ancora una volta la condanna dei responsabili dell'omicidio, resta incredula per la decisione del giudice del tribunale di Teramo.
Circa sette anni fa è accaduto la stessa cosa, quando un uomo di Alba Adriatica, ubriaco alla guida della propria auto, ha ucciso due ragazze rom di Alba Adriatica senza fare un giorno di carcere.
Continuare a strumentalizzare la presenza della minoranza rom e l'assenza di una politica di integrazione culturale, in particolare per minori e giovani, DOVERE istituzionale e costituzionale di chi amministra il territorio, vuol dire riversare il disagio sulla quotidianità di tutti i cittadini.
Torniamo a ribadire che la responsabilità morale è da attribuire alla politica che ignora i doveri costituzionali ed istituzionali Nazzareno Guarnieri - presidente Federazione romanì vedi documento precedente: mercoledì, 07 luglio 2010 L'indifferenza Al sindaco del comune di Alba Adriatica (TE) Al sindaco del Comune di Martinsicuro (TE) Al presidente della Provincia di Teramo Assessore politiche sociali della Provincia di Teramo Sono trascorsi diversi mesi dai tragici fatti di cronaca di Alba Adriatica e di Martinsicuro con la morte di due persone per responsabilità di giovani rom e ci chiediamo cosa è stato fatto in questi mesi per l'integrazione culturale della minoranza rom presente sulla costa Teramana.
La nostra organizzazione locale, con la collaborazione dell'organismo nazionale Federazione romanì, subito dopo i gravi eventi si è attivata, rifiutando ogni forma di passerella mediatica, sia all'interno delle famiglie rom, sia per stimolare la politica e le istituzioni ad avviare processi e percorsi per l'integrazione culturale delle famiglie rom.
Cosa hanno fatto in questi mesi la politica locale, Provinciale e le istituzioni? La risposta è sotto gli occhi di tutti: NULLA, l'indifferenza, validando la nostra accusa che la responsabilità morale è da attribuire alla indifferenza politica.
L'Associazione RomSinti@ Politica e la Federazione romanì sollecitano gli amministratori locali e provinciale ad avviare con urgenza un percorso di integrazione culturale della minoranza rom.
Il persistere dell'indifferenza politica porterà le nostre organizzazioni a promuovere manifestazioni, civili e democratiche, di forte impatto [...]

Leggi tutto l'articolo