la crociera - 1

Navigare, per alcuni significa raggiungere paesi stranieri, porti lontani, spiagge deserte.  Per altri significa estraniarsi completamente dal mondo reale, sottrarsi alle norme e alla morale comune per vivere in condizioni irreali, irripetibili, inenarrabili….
Sentirsi circondati dall’acqua, vivendo in uno spazio organizzato e ristretto può rappresentare, per alcune persone, la liberazione dai tabù, la vita in condizioni primordiali.
Con lo svanire dei confini all’orizzonte svaniscono anche le regole della civiltà comune, le distinzioni tra lecito e illecito, tra vizio e virtù…….
Ho raccolto le confessioni di un uomo, che ha vissuto un’esperienza particolare, un’esperienza che ha raccontato a me, sconosciuto interlocutore che il caso ha voluto far incontrare nel momento giusto ed al posto giusto per raccogliere confidenze che mai, fino ad allora, erano state concesse….
Stavo bevendo un drink al bancone di un bar, un drink piuttosto alcolico.
Era stata una giornata stressante, avevo voglia di rilassarmi e avevo telefonato a un’amica chiedendole di raggiungermi.
Erano già passati quaranta minuti e lei non si era ancora vista, ed io ero già al terzo bicchiere.
Seduto due posti più in là, c’era un uomo solo con il suo bicchiere.
La gente andava e veniva, e noi eravamo rimasti, intenti ad aspettare, assorti dall’atmosfera rarefatta del locale, dai pensieri, dagli istinti animali.
Fu con una battuta che non ricordo che iniziammo a parlare, un commento ad una ragazza particolarmente procace che telefonando si lamentava delle aspettative della serata, insomma, entrambi avevamo una cosa in testa e l’idea di condividere un pensiero particolare con uno sconosciuto ci spinse a spostarci di un seggiolino per iniziare una conversazione fitta fitta, che diveniva man mano più confidenziale, quasi sussurrata…..
Quanto bevemmo, non lo ricordo, non ero ubriaco, non nel senso comune di questo termine, l’alcool mi aiutava ad immedesimarmi, a confondere la mia realtà con la fantastica  visione del mio interlocutore, ricordi talmente pregni di particolari che naturalmente mi parvero veri, reali…… Ancora oggi non posso fare del sesso con una donna senza che uno di quei dettagli mi si affacci alla mente, rituffandomi completamente in quei frangenti come se fossi stato io a viverlo, io ad essere il protagonista di quelle avventure….
… I fatti di cui vi parlerò, mi disse,  risalivano a  qualche anno prima, forse una decina, i ricordi erano ancora vividi ma già meditati, già profondamente assaporati [...]

Leggi tutto l'articolo