la morte apparente di Aurelio

Dorme sulla collina da cui si vede  il mare, a Senigallia, uno  che a lungo rischiò di essere sepolto vivo, forse…
La sua è una lapide straordinaria, infatti quella di Federiconi Aurelio nato il 21-3-1902 e morto (forse) il 1° febbraio 1947 è divisa in due parti.  Nella prima il ricordo delle sue virtù: “per la sua integrità fu da tutti amato” e fin qui siamo nel normale rimpianto dei familiari per la morte di una persona amata.
Ma la seconda parte è davvero bizzarra e unica almeno nella mia collezione di epitaffi infatti è una specie di cartella clinica.  “Per molti giorni fu oggetto di studio alla scienza medica se fosse tra i vivi o tra i più.
Dopo un’ alternativa di speranze e timori di ansie inquiete non diede più segni di vita lasciando nello strazio la consorte e i congiunti”
Povero Aurelio e soprattutto povera donna sua moglie, quanto avrà sofferto fra ”speranze e timori di ansie inquiete”.  E che dire dei medici che non sapevano neppure “se fosse tra i vivi o tra i più”. E po...

Leggi tutto l'articolo