la pace, dono prezioso per l'uomo

MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVIPER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 1° GENNAIO 2009   COMBATTERE LA POVERTÀ, COSTRUIRE LA PACE   1.
Anche all'inizio di questo nuovo anno desidero far giungere a tutti il mio augurio di pace ed invitare, con questo mio Messaggio, a riflettere sul tema: Combattere la povertà, costruire la pace.
Già il mio venerato predecessore Giovanni Paolo II, nel Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 1993, aveva sottolineato le ripercussioni negative che la situazione di povertà di intere popolazioni finisce per avere sulla pace.
Di fatto, la povertà risulta sovente tra i fattori che favoriscono o aggravano i conflitti, anche armati.
A loro volta, questi ultimi alimentano tragiche situazioni di povertà.
« S'afferma...
e diventa sempre più grave nel mondo – scriveva Giovanni Paolo II – un'altra seria minaccia per la pace: molte persone, anzi, intere popolazioni vivono oggi in condizioni di estrema povertà.
La disparità tra ricchi e poveri s'è fatta più evidente, anche nelle nazioni economicamente più sviluppate.
Si tratta di un problema che s'impone alla coscienza dell'umanità, giacché le condizioni in cui versa un gran numero di persone sono tali da offenderne la nativa dignità e da compromettere, conseguentemente, l'autentico ed armonico progresso della comunità mondiale » [1].
2.
In questo contesto, combattere la povertà implica un'attenta considerazione del complesso fenomeno della globalizzazione.
Tale considerazione è importante già dal punto di vista metodologico, perché suggerisce di utilizzare il frutto delle ricerche condotte dagli economisti e sociologi su tanti aspetti della povertà.
Il richiamo alla globalizzazione dovrebbe, però, rivestire anche un significato spirituale e morale, sollecitando a guardare ai poveri nella consapevole prospettiva di essere tutti partecipi di un unico progetto divino, quello della vocazione a costituire un'unica famiglia in cui tutti – individui, popoli e nazioni – regolino i loro comportamenti improntandoli ai principi di fraternità e di responsabilità.
In tale prospettiva occorre avere, della povertà, una visione ampia ed articolata.
Se la povertà fosse solo materiale, le scienze sociali che ci aiutano a misurare i fenomeni sulla base di dati di tipo soprattutto quantitativo, sarebbero sufficienti ad illuminarne le principali caratteristiche.
Sappiamo, però, che esistono povertà immateriali, che non sono diretta e automatica conseguenza di carenze materiali.
Ad esempio, nelle società [...]

Leggi tutto l'articolo