la piazza, fra rappresentazione e comunicazione

Il forum  del sito del Comune è durato poco, e così anche l’entusiasmo di chi ne aveva favorevolmente salutato la nascita; e poiché ero stato fra questi, mi corre l’obbligo rettificare l’informazione data.
La repentina chiusura di questa breve esperienza di comunicazione istituzionale (dalla fine di maggio alla fine di giugno, di quest’anno), da parte del nostro Comune, ne richiama una precedente, quella di “Qui Comune”, del quale circa tre anni fa uscirono appena due numeri e poi nulla più.
Quale ostacolo blocca la tenuta di uno strumento di  comunicazione fra il Palazzo ed i Cittadini?  Nel frattempo si è conclusa l’edizione ’08 di Arte in Parabita, caratterizzata quest’anno da un cartellone alquanto dinamico, coraggioso anche nella scelta di alcune tematiche di forte impatto sociale e politico, quale il nucleare, con la piece  di Ulderico Pesce.
  Insieme al prestigio del Direttore Artistico e all’impegno degli Organizzatori, alquanto importante è risultata anche la collaborazione con l’Università del Salento che qualifica ulteriormente la rassegna.
L’ottima riuscita dell’iniziativa è senz’altro premessa per un auspicabile ulteriore successo della manifestazione; ma questo sarà reso possibile, a mio parere, anche da una più chiara definizione degli aspetti di carattere istituzionale ed interistituzionale sottesi alla stessa, e chiarendo alcuni interrogativi, quali: - di fatto, chi promuove la Manifestazione ? il Comune o l’Associazione che porta lo stesso nome della Manifestazione? ovvero anche: quale  rapporto intercorre fra chi promuove, chi organizza e chi patrocina la manifestazione? - La denominazione e il logo della Manifestazione sono registrati? e in tal caso chi ne detiene il titolo? - Si è resa pubblica la cifra di € 7.500 che il Comune di Parabita ha stanziato per la Manifestazione di quest’anno; e gli altri Enti pubblici (Provincia e Regione) che cifre hanno messo a disposizione? A costituire un filo di congiunzione fra l’aspetto considerato in apertura (la breve vita degli strumenti di informazione del Comune) e  l’iniziativa Arte in Parabita vi può essere l’idea di piazza: la piazza come luogo  di incontro e di dialogo fra persone – valore dialogante -,  la piazza come luogo in cui si espone per vendere o far apprezzare quanto si ha o ciò che si sa fare – valore rappresentativo -.
Ora tali due aspetti sono profondamente interconnessi nel topos piazza, – in cui raffiguriamo a partire da Atene il concetto stesso di polis, ovvero di [...]

Leggi tutto l'articolo