nella Cappellina di Casa Santa Marta

Oggi è il compleanno di Benedetto XVI, compie 86 anni, e Papa Francesco lo ricorda all’inizio della Messa:“Offriamo la Messa per lui, perché il Signore sia con lui, lo conforti e gli dia molta consolazione”.“Sempre, anche tra noi” – rileva il Pontefice – “c’è quella resistenza allo Spirito Santo”:“Per dirlo chiaramente: lo Spirito Santo ci dà fastidio.
Perché ci muove, ci fa camminare, spinge la Chiesa ad andare avanti.
E noi siamo come Pietro nella Trasfigurazione: ‘Ah, che bello stare così, tutti insieme!’ … ma che non ci dia fastidio.
Vogliamo che lo Spirito Santo si assopisca … vogliamo addomesticare lo Spirito Santo.
E quello non va.
Perché Lui è Dio e Lui è quel vento che va e viene e tu non sai da dove.
E’ la forza di Dio, è quello che ci dà la consolazione e la forza per andare avanti.
Ma: andare avanti! E questo da fastidio.
La comodità è più bella”.
“Il Concilio è stato un’opera bella dello Spirito Santo.
Pensate a Papa Giovanni: sembrava un parroco buono e lui è stato obbediente allo Spirito Santo e ha fatto quello.
Ma dopo 50 anni, abbiamo fatto tutto quello che ci ha detto lo Spirito Santo nel Concilio? In quella continuità della crescita della Chiesa che è stato il Concilio? No.
Festeggiamo questo anniversario, facciamo un monumento, ma che non dia fastidio.
Non vogliamo cambiare.
Di più: ci sono voci che vogliono andare indietro.
Questo si chiama essere testardi, questo si chiama voler addomesticare lo Spirito Santo, questo si chiama diventare stolti e lenti di cuore”.
“Non opporre resistenza allo Spirito Santo: è questa la grazia che io vorrei che tutti noi chiedessimo al Signore: la docilità allo Spirito Santo, a quello Spirito che viene da noi e ci fa andare avanti nella strada della santità, quella santità tanto bella della Chiesa.
La grazia della docilità allo Spirito Santo.
Così sia”.
Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/04/16/il_papa:_concilio,_opera_dello_spirito_santo,_ma_cè_chi_vuole_andar/it1-683211 del sito Radio Vaticana

Leggi tutto l'articolo