paso passo alla coltivazione

Dovresti cercare di trovare da giardinieri del posto semi che siano acclimatati e riprodotti per il clima locale con le migliori caratteristiche floreali.
Potenza, aroma, crescita rapida, maturazione precoce, resistenza ai funghi e ai parassiti.
Tutti questi fattori sono presi in considerazione dal giardiniere esperto e tu non potrai che trarre innumerevoli benefici dall'avere un'amica che ti faccia partire in un viaggio senza fine.
Cerca di procurarti un ibrido Indica-Sativa se possibile, in modo da ottenere le dimensioni più indicate ed anche ottime caratteristiche per la coltivazione al coperto.
Le piante Indica sono povere di principio attivo, adatte a terreni sassosi, cosa assai fastidiosa, mentre le Sativa crescono con difficoltà nei luoghi chiusi per effetto delle elevate richieste di luce e germogliano più tardi.
Un ibrido può essere così un compromesso che avrà l'elevato effetto psicotropo della Sativa e la tendenza alla maturazione precoce dell'Indica.  L'Indica è facilmente riconoscibile dalle sue foglie estremamente larghe che sono molto arrotondate ai lati.
La Sativa ha foglie molto strette, simili alle dita.
Un ibrido avrà le caratteristiche di entrambe con foglie che sono un incrocio di questi due tipi: più sottili di un'Indica, ma molto più larghe di una Sativa.
E' possibile riconoscere un buon ibrido dalle foglie, una volta che hai capito cosa osservare.
Assicurati che i semi siano marrone scuro o grigio chiaro.
Alcuni possono avere delle linee scure in aggiunta a questi colori, come le striature di una tigre.
I semi bianchi e piccoli non sono maturi e non dovrebbero essere piantati.
 

Leggi tutto l'articolo