poesie

 
 
Ai cont� i passi fin cass� sul doss,
�ntr� nar e nir p� o men seicento,
en media trei bote en settimana:
prove de canto, zimiteri, mesa.
L�ai semper fati volintera,
per lo p� con pas da bersaliera.
Ades, ralenti en migol
canche arivi a la pontara,
po� me toegi l�onda e via de nar,
no l�e ancor ora de molar!
Ma Ti Sioredio,
tegni ben i conti.
Meti ancia chesto
sula pazina del dar,
e per el rest
el sas, ai fat ch�el che ai podest.
Ma esaudisi el me ultim desideri:
l�ultim dei me viazi,
voroessi el fuss cass�,
�n san Zorz, su sto bel doss
vizin al ziel e soladio
e dormir per sempre
daosin a la To ciasa, Sioredio!
Antonietta dal Piaz Breda.07
 
Preghiera
 
 
Signore,
quando deciderai
di inviarmi Madame,
dille di aspettare alla porta
almeno due giorni;
un giorno
per consegnare una carezza
che tengo ancora stretta
qui nel pugno
per dire una parola
rimasta sulla lingua
per schizzare
il profilo di Lorenzo
per cancellare i nomi
di coloro che mi han fatto male
per dire a tutti
�Io vi ho volu...

Leggi tutto l'articolo