precariato

LA VERGOGNA DEL LAVORO PRECARIO    La famiglia Moratti possiede le azioni del gruppo Metis spa (agenzie interinali), il principale fornitore di personale interinale precario alle dipendenze dell'amministrazione comunale.
I costi di somministrazione del personale interinale sono superiori alla retribuzione lorda di personale di ruolo.
  In sintesi il Comune di Milano spende di più con l'ingaggio di personale avventizio precario che con l'assunzione diretta delle stesse persone tramite l'ex art.16 che prevede l'assunzione nominativa senza obbligo di concorso.
  Come evidente, alla Moratti, come al precedente Albertini conviene mantenere personale precario visti gli interessi personali con il gruppo Metis.
  Claudio Larghi   claudio-larghi@libero.it precari svegliatevi flessibilità, politica e corruzione martedì 9 ottobre 2007 flessiblità illegale PRECARI SVEGLIATEVI!!! In Italia vi sono circa 5.000.000 di precari, circa il 20% della forza lavoro.
Questa "forza lavoro" traina il paese.
Se tutte queste persone si unissero ed organizzassero tra loro formerebbero una forza di opposizione degna di una forza politica.
Per quale ragione con tanti precari in giro nessuno ci rappresenta e nessun movimento anti precariato (ne esistono, ma sono poco noti, con scarsa visibilità e soprattutto con scarsa volontà di cambiare le cose...) ha mai preso una posizione concreta nella lotta al precariato?.
I motivi sono tanti e la colpa è anche dei precari, troppo illusi, troppo individualisti, molti ancora adolescenziali e scarsamente consapevoli del dramma individuale che stanno vivendo e del loro futuro tracollo sociale quando raggiungeranno i  40 anni.
Diciamo che noi precari (mi inserisco anche io...
anche se le mie battaglie individuali le ho sempre combattute) siamo dei Pollicino inguaribili che abbiamo paura di diventare adulti e preferiamo riamere (pur lamentandoci dalla mattina alla sera) nell'ombra di noi stessi e della famiglia che ancora ci mantiene (finchè ci sono i genitori...).
Del resto in Italia vi sono 35 enni ancora adolescenti che preferiscono lavoricchiare con contrattini a progetto , pagarsi i vizi con le retribuzioni da progetto e passare il resto dell'anno a farsi i "cazzi propri".
Vi sono anche precari super sfruttati, logorati, ormai ammalati di nevrosi da superlavoro, da mobbing, da schiavitù, schiavi dei carnefici che li vessano e sottomettono (agenzie interinali, consulting, etc...) che però anzichè esplodere, implodono dentro loro stessi con gravi ripercussioni per la loro salute.
Vediamo, se un [...]

Leggi tutto l'articolo