province inutili

Attualmente, nel nostro ordinamento esistono Enti elettivi (sia territoriali e non) che si devono considerare non semplicemente inutili ma persino dannosi.
Questo rappresenta un dato di comune e frequente esperienza per i tecnici ma anche per i cittadini bisognosi di servizi.
Sono Enti Inutili in quanto le stesse funzioni possono essere svolte da altri Enti senza alcuna necessità di costosi organi elettivi.
Sono Enti Dannosi: per i costi diretti necessari al mantenimento della struttura di tali Enti; per i costi indiretti che causano, in quanto spesso comportano una pluralità di passaggi burocratici, con relativi costi istruttori e ritardi.
Esempi eclatanti sono le Province su tutto il territorio nazionale (fatta eccezione per le province autonome di Trento e di Bolzano) ed i comuni limitrofi piccoli che, in economia di scala, potrebbero funzionare a costi molto più bassi se accorpati in un unico Ente.
Secondo un’elaborazione dei dati del Ministero degli interni, aggiornati al 12 ottobre 2007, il numero complessivo degli amministratori e degli eletti dell’ente territoriale PROVINCIA risulta sfiorare le 4.000 unità di cui circa 2900 consiglieri, circa 50 tra Presidenti e vicepresidenti, circa 100 presidenti della Giunta, oltre 900 assessori.
Il costo annuale dei SOLI compensi di questo “esercito” di eletti è superiore a 50.000.000 di euro considerando che la retribuzione mensile di un presidente varia tra 4.000 e 7.000 € ( a seconda del numero di abitanti della provincia considerata), quella di un vice-presidente tra 3.000 e 5.200 €, quella di un assessore tra 2.700 e 4500 € cui si devono aggiungere i gettoni di presenza dei semplici consiglieri.
A questi vanno aggiunti i costi relativi alla gestione degli organi elettivi: edifici, personale specifico, auto “blu”, rimborsi, spese di rappresentanza, … che portano ad oltre il doppio il costo del mantenimento dei soli organi elettivi.
A questi vanno aggiunti i costi relativi alla gestione degli organi elettivi: edifici, personale specifico, auto “blu”, rimborsi, spese di rappresentanza, … che portano ad oltre il doppio il costo del mantenimento dei soli organi elettivi.
Ancora, a questi vanno aggiunti tutti gli ingenti costi relativi a strutture, dirigenti, … non necessari in caso di spostamento delle funzioni a Enti già esistenti.
Ancora, in base ai dati pubblici disponibili relativi ai bilanci, la somma delle sole spese correnti delle oltre cento province italiane si aggira attorno ai 10 md di euro all’anno; considerando le spese in conto [...]

Leggi tutto l'articolo