risveglio

Come posso dirti senza parole ti amo.
Come farti capire, lo svegliarsi al mattino e sentire sussurrato fra i resti del sonno, il tuo nome.
Poi............
al riaprire degli occhi provare, smarrimento nel trovarsi da solo.
Pochi istanti gelati di vuoto sgomento.
La paura di aver perso una mano.
Poi.....
il pensiero cosciente che piano si fa avanti tra il velo del sonno.
Ricordarsi di averti lasciato, (dentro gli occhi catene di stelle, sulla faccia un sorriso assonnato) sulla porta di casa dicendo: (con dell'altro che urlava di dentro) Buonanotte a domani.
                                                   refusi

Leggi tutto l'articolo