sagittario

Lui era veramente insignificante, un ragazzino insicuro con gli occhiali e i capelli sporchi.
Era un piccolo intellettuale meschino, già disilluso e cinico.
Lui con le sue miriadi di anelli non lo capivo.
Lui baciava con la punta della lingua, quasi come se il suo bacio ti dicesse che non voleva e non si sarebbe mai concesso definitivamente e completamente a nessuno.
Lui sapeva farmi sentire sotto esame, inferiore, ansiosa e agitata.
Lui che mi aveva schiacciato il cuore con una frase.
Lui che amava ballare e che amava le donne, non ne avrebbe mai amata solo una.
Lui che non voleva impegnarsi che era speciale ed egocentrico.
 Lui ritorna, mette un piede nella mia vita e io di nuovo annego in quel mare di insicurezza  in cui avevo annaspato poco tempo prima..
Lui che le sue parole erano pugni o carezze a seconda dei casi.
Lui che era un attore nella vita, che fingeva quello che non gli apparteneva.
   

Leggi tutto l'articolo