senza speranza

  In che epoca viviamo? Quali sono le speranza vere che ci portiamo per il futuro? Mangiamo alimenti contaminati da pesticidi che importiamo da ogni angolo del mondo dove tutta la chimica è possibile e lasciamo marcire le produzioni nostrane Siamo schiavi della tecnologia che occupa ogni istante della nostra frenetica vita e lo smartphone , i social , i selfie , e i reality , sono una ragione di esistenza Siamo circondati da guerre sanguinose e ravvicinate dai media ma riusciamo tranquillamente ad ignorare e girare la faccia altrove ; i bulli imperano nelle scuole ed i furbetti la fanno da padroni sulle strade dove nessuno rispetta le più basilari regole.
L'acqua è inquinata da industrie che non pensano che è il bene più prezioso che abbiamo.
Immondizia ad ogni angolo delle strade , miseria e squallore.
Fabbriche e case abbandonate e degrado nelle periferie.
Masochismo irriducibile per chi fuma , chi si droga , chi si infetta apposta ; malattie nuove per noi , le coltivazioni e gli animali , Famiglie irriconoscibili da quelle tradizionali e tradizioni calpestate da tutti , politici , benpensanti e globalizzazioni irrazionali.
Femminicidi giornalieri , violenze sui bambini e sugli anziani e comunque sui deboli o chi abbozza una protesta.
Gente che si ammazza perchè perde lavoro o casa e gente che è orgogliosa delle proprie malefatte e che non pagherà mai o mai abbastanza per le lacrime che hanno fatto scorrere.
Avvoltoi che si aggirano tra le macerie del terremoto , gentaglia che lucra sulla solidarietà delle persone perbene.
Meritocrazia valida solo altrove mentre in Italia vince sempre il più scaltro , quello con più conoscenze e i criminali che trovano terreno fertile , consci di una giustizia mai equa e mai rapida.
Uno stato sempre dormiente , sempre paradossale , sempre macchinoso e cieco che colpisce e coglie i frutti più bassi di un albero sempre più raggrinzito e le mele più rubiconde e succose restano intoccabili sui rami più alti.
Un Pontefice che predica carità e pace e cardinali e vescovi che vivono come imperatori navigando in lussi sfrenati , abitando in realtà lontane anni luce dalla parola del Vangelo e ponendo il dio denaro sul loro personale podio mentre poveri preti di paese o piccoli missionari sudano la loro virtù.
Basta porsi alla visione di una puntata delle Iene o di Report per farsi venire il voltastomaco tra ciò che abbiamo appena mangiato al paese che abitiamo ricchi di contro e poveri di pro.
Onestamente , in cosa possiamo sperare ? Che futuro sto preparando per i miei figli [...]

Leggi tutto l'articolo