sto male

anzi no, non sto male, non sto proprio...
cioè mi sono andata a complicare la vita inutilmente, ma è possibile??!! stavo cosi bene da sola, (per modo di dire) cioè stavo sicuramente meglio di ora.
non dovevo render conto a nessuno, uscivo e non dicevo nulla, frequentavo e stavo con chi, quando e per quanto volevo, insomma ero libera! libera di pensare, libera di fare, libera di NN fare, libera di essere e non essere, libera di massacrarmi con le mie pare, ma anche libera di non pensare a nulla e vivere semplicemente...
ora mi sento in gabbia, nell'uovo come dice il mio caro compagno di classe...
forse esagero, precipito, tengo tutto dentro, quando basterebbe che io mi aprissi e ne parlassi con lui...
lui che forse potrebbe capirmi, lui che quando sbaglia mi chiede scusa, lui che mi dice di volermi bene, lui che dice che sono strana e diversa...
è proprio cosi "strana e diversa", proprio cosi sono con lui, proprio cosi voglio continuare ad essere...
cavolo mi spiace fargli del male, lasciarlo nel dubbio, ma...
a volte sembra cosi superficiale, cosi immaturo, cosi...
vorrei dirgli tutto, quel che sento, il disagio che provo, il dispiacere e il nervoso che mi provocano certe sue uscite...
vorrei ma poi mi blocco e sto zitta.
Ho il timore del suo giudizio, temo che lui non posso capirmi..
ho paura ad aprirmi con lui, se poi me ne pento? Se poi non dovevo dargli la mia fiducia? Se poi...
insomma...
perché alla sua cavolo di domanda non ho risposto "NO, non me la sento di iniziare una nuova storia..." perché cazzo..
sarebbe stato tutto più semplice,, tutto,, bè sono una testa di cavolo, una stupida illusa principessina che aspetta il suo principe, anzi no, il suo Marinaio, lo aspetta inconsciamente, costantemente, incessantemente, senza motivo, senza speranza, senza futuro....

Leggi tutto l'articolo