su ‘Gadda e Pasolini: Antibiografia di una nazione’ di Fabrizio Gifuni

su ‘Gadda e Pasolini: Antibiografia di una nazione’ di Fabrizio GifuniIl cofanetto Gadda e Pasolini: antibiografia di una nazione racchiude i due spettacoli che sono la summa del percorso teatrale di Fabrizio Gifuni: ’Na specie de cadavere lunghissimo (Premio Istryo 2006) e L’ingegner Gadda va alla guerra (Vincitore di due Premi Ubu nel 2010).
Entrambi i lavori si avvalgono della collaborazione e della preziosa regia di un grande autore di cinema e teatro: Giuseppe Bertolucci.
Il libro all’interno del cofanetto contiene un saggio di Giuseppe Genna.Scrive Gifuni nella sua prefazione«Il progetto Gadda e Pasolini: antibiografia di una nazione è nato dal desiderio di organizzare un grande racconto sulla trasformazione del nostro paese.
Su ciò che eravamo, su ciò che siamo diventati o su ciò che in fondo siamo sempre stati.
Per capire cosa è accaduto, come sia stato possibile arrivare a tutto questo.
Quello che ne è venuto fuori, a distanza di anni, è un doppio sguardo sulla nostra storia del Novecento, feroce e inesorabile, dove al «teorema pasoliniano» sulla mutazione antropologica di un intero paese si aggiungono, come tessere di un unico mosaico, le note gaddiane sulla Grande Guerra e le sue annotazioni psico-letterarie sul ventennale flagello fascista.Due sguardi incrociati sulle dinamiche della grande Storia, spesso sorprendenti, dove termini come progressista o conservatore, cedono il passo alla sola forza di due intelligenze in continuo movimento».

Leggi tutto l'articolo