tropi o troppi?

"Quello che trasforma l’oggetto individuo da complesso in complicato sono le sovrastrutture che ci aggiungiamo da soli [...] e che avranno comunque un costo. Chiedendomi chi ne pagherà il conto, la risposta più immediata potrebbe essere: l’individuo stesso. Volando un po’ più alto credo, invece, che il conto lo pagherà la comunicazione. "
E' quello che scrissi riassumendo in sovrastrutture le varie cause dei difetti di comunicazione. Non avendo il tempo per farlo, lasciai che Wiki, la mia assistente culturale, si preoccupasse di entrare nel dettaglio. La pago per questo. Giorni fa, le è scivolato di mano il foglio che si è chinata a raccogliere prima di poggiarmelo sulla scrivania dicendo: "E' quella ricerca che mi avevi chiesto". Indossava una gonna corta che, chinandosi, le si vedevano anche le tonsille. Non erano infiammate. Sul foglio, poche righe ma illuminanti:
Nella retorica classica, secondo Heinrich Lausberg, sono classificati come tropi:
• Allegoria: il testo sviluppa se...

Leggi tutto l'articolo