un po' di storia...l'endometriosi è conosciuta da 90 anni!!!!

Descritta per la prima volta nel 1921 da John Sampson è una malattia benigna determinata dalla presenza di tessuto simile all'endometrio (il tessuto che normalmente riveste la cavità uterina) in sede ectopica quindi al di fuori dell'utero.
La prima e più antica ipotesi etiopatogenetica formulata dallo stesso Sampson in una storica pubblicazione del 1927 è quella della mestruazione retrograda: durante il flusso mestruale alcune cellule endometriali seguirebbero un percorso inverso, risalendo lungo le tube ed attecchendo e poi sviluppandosi in altri organi.
In effetti la possibilità di un flusso mestruale retrogrado è stata dimostrata e sembrerebbe anche abbastanza frequente ma da sola non spiega perchè in molte donne queste cellule non attecchiscono e soprattutto non spiega le localizzazioni in organi molto lontani dalla cavità addominale come ad esempio il cervello.
Alcuni ricercatori hanno ipotizzato una possibile disseminazione delle cellule endometriali per via linfatica o ematogena.
Altri hanno visto nell'alterata risposta immunitaria spesso riscontrata in queste pazienti il "primum movens" della malattia: una diminuita funzione delle cellule Natural Killer e dei linfociti T faciliterebbe l'attecchimento delle cellule endometriali fuori dall'utero; non è però ancora  possibile escludere che queste alterazioni immunitarie siano secondarie alla malattia stessa.
Non è da escludere anche una predisposizione genetica: sembrerebbe infatti che l'espressione dell'allele HLA-B7 sia più frequente in queste pazienti ed in effetti è stata spesso identificata una stretta familiarità.
A tutt'oggi comunque l'origine vera della malattia è purtroppo sconosciuta e ulteriori studi saranno necessari.

Leggi tutto l'articolo