venerdì 6 luglio '12

Amedeo Modigliani     XIII Settimana del Tempo Ordinario  S.
MARIA GORETTI VERGINE MARTIRE Nata a Corinaldo (Ancona) il 16-10-1890, da famiglia di contadini, Maria era seconda di sei figli.
I Goretti si trasferirono nell'Agro Pontino, dove nel 1900 il padre morì, la madre dovette iniziare a lavorare e lasciò a Maria l'incarico di badare alla casa e ai fratelli.
A 11 anni Maria fa la 1.a Comunione e matura il proposito di morire prima di commettere peccati.
Alessandro Serenelli, di 18 anni, il 5-07-1902 aggredisce Maria e tenta di violentarla.
Alle sue resistenze la accoltella: Maria prima di spirare perdona l'assassino che sarà condannato a 30 anni di prigione.
Il Serenelli si pentì e si convertì e quando fu scarcerato dopo 27 anni chiese perdono alla madre di Maria.
Maria Goretti fu proclamata santa nel 1950La Parola di Dio del giorno“Mentre Gesù sedeva a mensa in casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e si misero a tavola con lui e con i discepoli.
Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: “Perché il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori? ”.
Gesù li udì e disse: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati.
Andate dunque e imparate che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrificio.
Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” (Mt 9,9ss) Riflessione Per Il Giorno - (Scritti e detti dei padri del deserto)Un giorno peccò un fratello a Scete; i padri radunatisi mandarono a chiamare abba Mosè.
Ma poiché egli non voleva venire, gli mandarono a dire:”Vieni, la gente ti aspetta!”.
Egli allora venne portando sulle spalle una cesta forata piena di sabbia.
Gli andarono incontro alcuni fratelli e gli chiesero: ”Padre, che è mai questo?”.
Disse loro l’anziano:”Sono i miei peccati che scorrono dentro di me senza che io li veda.
E oggi sono stato chiamato qui a giudicare i peccati degli altri!”.
A queste parole non dissero nulla al fratello che aveva peccato e gli perdonarono”Preghiera del giorno Quando ci accostiamo alla tua mensa, o Signore, fa’ che ricordiamo sempre che noi ti accogliamo come nostro ospite perché tu ci accogli come tuoi ospiti.
Aiutaci a comprendere che il mistero di comunione che celebriamo è superamento del peccato e dono di salvezza: così eviteremo che il nostro culto si cambi in continuo lamento, in formale adempimento, in sterile ripetizione .
AmenIntenzione del giorno Perché l’esempio di Maria Goretti faccia riscoprire alla gioventù l’importanza della purezza nella vita [...]

Leggi tutto l'articolo