"vittorio aprea/ poesia

 
Vittorio Aprea
POESIA
dalla raccolta poetica
Kimerik 2005  
 
:::::::::::::::::::::::
(clic sull'altoparlante per l'ascolto)  
Poesia… ‘na sola parola: è una, una sola ca porta ‘o prufumo gentile e affatato ‘e cose luntane… ‘e cose passate lassate perdute ca, comm’’int’’o suonno, se fanno presente e, ‘e vvide…’e ssiente, turnate cu’ tte!
Poesia vo’ dìcere po’ tanti ccose! Ed Essa sultanto sa tègnere ‘e rosa ‘o nniro d’’o llutto e, si si’ distrutto, te fa risciata’ pe’ n’attimo ancora, sulo pe’ nu mumento te fa turna’ a campa’!
Poesia! Sai che vo’ dìcere ‘sta parulella? Vo’ dìcere ca ‘e scelle ‘e mise pure tu! E, comm’a ‘na palomma, vuole pe’ mare e monte e chesta fantasia te sbatte ‘a ccà e ‘a llà: diventa ‘na malìa ca te vo’ affattura’!
Poesia! L’astrigne dint’’e mmane e tuorne piccerillo… e, ‘mbraccia a Mamma toja, te tuorne a ritruva’… E siente chella voce ca te cantava ‘a nonna e, doce, doce, doce, te siente ‘e cunnulia’…
Poesia, unica ‘nnammurata ca te cunzòla ognora: Fèmmena pr...

Leggi tutto l'articolo