vittorio aprea poesia in dialetto napoletano Nataletriste

NATALE TRISTE
:::::::::::::::::::::::
 
E� venuto Natale! Che friddo se sente!�
Ah!�pe� ll�aria: n�addore d�arance �e Surriento�
P��e viche: �o profumo d��a �nzogna squagliata�
Pe� �copp��e carrette: muntagne �e �nzalata!
�Na folla �mpazzuta �e ggente che passa,
nu popolo �nfesta, ca ride e se spassa,
�na stesa �e campane, ca parla a �stu core�
ca dice, tremmanno, mutive d�ammore.
Chist�anno Natale pe� mme nun ce sta!
Pirci�: tira �nannze�va�vutta a passa�!
Nun ce sta chi me purtava p��a mano:
se n�� partito�� ghiuto luntano!!!
Nun tengo cchi� chillu t�nnero amico,
ca spisso cantava canzone antiche,
cantava e redeva: po� me cuntava
�e fatte d��a guerra e�s�arrecriava�
Gies�, quanta vote saggiu ditto a me stesso:
-Senz�isso vicino comme facesse?-
mentr�isso cuntava �e fatte d��a guerra
e io �o sentivo, assettato pe� terra�
Monte Maggio, Codroipo, Bainsizza,
Piave, S.Michele, Castagnovizza�
Tutte nomme ca io saccio a memoria:
ll�aggiu �mparate �a chillu libro �e storia!
Sempe, a Natale, ...

Leggi tutto l'articolo