wordssssss

Le parole sono come gli animali domestici.
Vanno, poi tornano.
Portarsi a letto quelle degli altri è pericoloso e poco importa se abbiamo cose da nascondere o temere.
Comunque torneranno al nido e racconteranno tutto.
Le parole, le nostre, ci appartengono.
Sì, certo, quando dormono fuori, sempreché dormano, possono parlare anche di noi ma, essendo nostre, saranno di parte.
Come lo sono le spie.
Io non mi fiderei di una spia.
Infatti, quando vanno e impiegano troppo a ritornare mi preocupo anche delle mie.
Vuoi vedere che stanno meglio dove sono? Magari hanno trovato un ambiente più caldo ed accogliente.
Altri sapori.
Altre carezze.
Se così fosse, rimane confermato che, in ogni caso, il silenzio è d'oro.

Leggi tutto l'articolo